11960200_486590014833932_6034032885265570745_nCome Collettivo Politico di Scienze Politiche vogliamo esprime la più totale solidarietà e vicinanza ai compagn* di Degage, studentato occupato nel 2013, sgomberato questa mattina dalle forze dell’ordine. Purtroppo non c’è da meravigliarsi: in tempi di crisi, non c’è spazio per la cultura e la socialità. Persino i diritti elementari (come la casa, l’istruzione, il lavoro) sembrano ormai un lusso: tutto va sfruttato per creare profitto. Non a caso in questa calda estate abbiamo visto protagonisti decine di migliaia di proletari in fuga dalla guerra imperialista e gli oltre due miliardi di tagli alla sanità pubblica. Di fronte ai sempre più violenti attacchi alle condizioni di vita della classe lavoratrice lo stato borghese gioca le sue carte e continua a colpire chi ogni giorno lotta e si organizza nei quartieri, sui posti di lavoro, nelle scuole e nelle università. Sgomberare Degage significa negare il diritto allo studio a chi non può permettersi affitti esorbitanti e tasse universitarie sempre più onerose. In una università sempre più classista noi, come sempre, stiamo dalla parte di chi si organizza per riprendersi ciò che gli spetta, di chi combatte contro il totale asservimento della cultura al profitto e che, soprattutto, lotta per una società più giusta!

DAJE DEGAGE!

Collettivo Politico di Scienze Politiche