Stamattina a Napoli era prevista una visita del Presidente del Consiglio Renzi per promuovere il cosiddetto “decreto Sblocca-Italia”.

Il premier alla fine non si è presentato ma i compagni e le compagne hanno voluto comunque dimostrare che, giorno dopo giorno nelle scuole, nelle università, sui nostri territori e sui posti di lavoro, cresce un’opposizione di classe a questo governo e ai suoi provvedimenti.
Migliaia di persone sono scese in strada a Fuorigrotta e Bagnoli contro Jobs Act, Piano scuola e decreto Sblocca-Italia. Una reazione allo sfruttamento delle nostre vite e alla speculazione che distrugge i nostri territori; un rifiuto al contrattare al ribasso i nostri diritti, a barattare la nostra dignità per il profitto di qualcun altro…

La risposta delle istituzioni, come accade sempre più frequentemente, ha preso la forma della violenza poliziesca, con lancio di lacrimogeni e brutali cariche su studenti, lavoratori, disoccupati.
Ancora una volta il governo, nascondendosi dietro gli 80 euro al mese ed altri ridicoli escamotage, rifiuta il confronto sui temi che contano realmente, come l’ulteriore privatizzazione del sistema scolastico ed i tagli all’istruzione, lo smantellamento dell’articolo 18, la normalizzazione della precarietà attraverso contratti a termine, tirocini e l’apprendistati.

Esprimiamo la nostra piena solidarietà alle persone caricate stamattina e ribadiamo che la lotta dei compagni di Napoli è la nostra stessa lotta, così come lo è quella degli operai dell’AST di Terni, dei lavoratori di Livorno, quella degli operai e degli studenti scesi in piazza ieri a Bruxelles contro l’austerity:
la lotta di tutti quelli che si oppongono ad un sistema economico basato su sfruttamento e ricatti!

Ad un attacco alla classe è necessario rispondere uniti: da Firenze a Napoli uniti e inflessibili contro Jobs Act, piano scuola, legge di stabilità, sblocca italia!

Per saperne di più: http://caunapoli.org/index.php?option=com_content&view=article&id=1463%3A7-novembre-renzi-napoli-corteo&catid=43%3Ainiziative&Itemid=89

#nojobsact
#nopianoscuola
#nosbloccaitalia