FIRENZE – CHI ZITTISCE CHI? APPELLO CONTRO LA CRIMINALIZZAZIONE DEL DISSENSO ALL’UNIVERSITA’

«Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario». George Orwell Nel promuovere il presente appello in maniera unitaria, invitiamo tutte le realtà politiche, sociali, sindacali e intellettuali a prendere pubblicamente posizione e condannare il pesante clima di intimidazione e delegittimazione che è stato costruito attorno ai collettivi universitari autorganizzati a seguito della

FIRENZE – SOLIDARIETÀ AGLI ANTIFASCISTI DENUNCIATI

Firenze Antifascista esprime la massima solidarietà ai militanti dell’Assemblea Permanente Antifascista di Coverciano denunciati per manifestazione non autorizzata. Sono stati contestati loro un presidio davanti alla sede di Casapound (o come amano definirla i loschi figuri: “libreria”) e un volantinaggio che aveva coinvolto decine di abitanti proprio di quelle strade. Due manifestazioni che esprimevano tutta

INTOLLERANTI A CHI? Precisazioni sulla contestazione a Caselli e sulla libertà d’espressione (del dissenso).

documento dell’Assemblea contro la presenza di Caselli a Novoli. «Quando l’ingiustizia diventa legge, ribellarsi è un dovere» Bertold Brecht Riguardo alla contestazione, promossa dal Collettivo Politico di Scienze Politiche, all’iniziativa organizzata da Sinistra Universitaria e Libera, avente come ospite eccellente (e unico) Giancarlo Caselli, siamo stati accusati di intolleranza e di voler soffocare, con metodi

Chi è Giancarlo Caselli e perché non lo vogliamo a Novoli !

Mercoledì 11 marzo l’associazione Libera-contro le mafie e la lista universitaria Udu-SU hanno pensato di propinarci una “lezione antimafia” tenuta dall’ex procuratore Giancarlo Caselli. Un nome noto e di grande richiamo mediatico, che si è costruito nel tempo la reputazione di uomo di sinistra, alfiere dei valori democratici contro il berlusconismo e la criminalità organizzata.

NESSUNO SCIOPERO È ILLEGITTIMO: AL FIANCO DEI LAVORATORI IN LOTTA !

Esprimiamo la nostra solidarietà ai lavoratori dell’ATAF denunciati a seguito dello sciopero del 5 e 6 Dicembre. Sono 612 gli autisti denunciati con l’accusa di interruzione di pubblico servizio proprio mentre difendevano, oltre al proprio posto di lavoro e al proprio salario, soprattutto il trasporto pubblico contro lo spacchettamento e la privatizzazione dell’azienda. Lo sciopero

#19ott GLI UNICI VIOLENTI: STATO E POLIZIA! TUTT* LIBER*

La giornata del 19 ottobre ha visto la partecipazione di circa centomila persone in piazza a Roma, disoccupati, lavoratori, studenti, migranti, movimenti per la casa e per i territori. Una partecipazione dal basso, completamente autorganizzata, che ha sorpreso gli stessi organizzatori. Questa ha dato il segnale di una rabbia latente, di un’insofferenza che sta per